SUNN IL MITE NON EFFETTUA ALCUN MONITORAGGIO O ANALISI DEI DATI DEGLI UTENTI

lunedì 3 maggio 2010

Create nubi artificiali con un laser nei cieli sopra Berlino

titolo originale: Laser creates clouds over Germany by: Colin Barras- translation: Luca Giammarco
Un laser è stato usato in laboratorio per generare piccole nubi a comando, e gli esperimenti nel mondo reale confermano che questa tecnica può essere un modo di provocare la pioggia quando richiesto.
Si è sperimentato per decenni attraverso il cloud seeding ( letteralmente: inseminazione delle nuvole, il noto fenomeno delle chemtrails, ndt ) nella speranza di incrementare le precipitazioni, solitamente spruzzando cristalli di ioduro d'argento nelle nuvole di alta atmosfera.
Questi cristalli favoriscono la formazione, attorno ad essi, di gocce d'acqua di grande dimensione, che poi precipitano come pioggia- in teoria, almeno. “L'efficienza di questa tecnica è controversa,” afferma Jerome Kasparian dell'università di Ginevra, Svizzera, un membro di un team di ricerca che sostiene che i laser possono essere un mezzo migliore per provocare pioggia a comando.
Kasparian, assieme al suo team, ha appena riportato il primo positivo utilizzo di questa tecnica per creare nubi dall'aria, sia in laboratorio che nei cieli sopra Berlino, in Germania.
La camera delle nuvole
In laboratorio il team ha indirizzato pulsazioni laser all'infrarosso brevissime in una “camera” di aria satura d'acqua a -24°C. Nuvole lineari potevano vedersi formare sulla linea del laser, come una piccola scia di condensa d'aereo.
Kasparian spiega che le pulsazioni laser generano le nuvole rimuovendo elettroni dagli atomi d'aria, ciò favorisce la formazione di radicali idrossili. Questi ultimi convertono i biossidi di zolfo e azoto presenti nell'aria in particelle che agiscono come “semi” per la crescita delle gocce d'acqua.
Ogni singola pulsazione laser produce un “colpo” di 220-millijoule in appena 60 femtosecondi ( 1 femtosecondo= 1/1000 di nanosecondo ), con una intensità “equivalente a circa mille centrali elettriche,” sostiene Kasparian.
Nuvole naturali
Le analisi dell'aria nella camera di sperimentazione, dopo lo spegnimento del laser, hanno rivelato che il volume totale di goccioline di condensa interna era aumentato della metà, e che senza le nuvole il volume di acqua condensata era aumentato di 100 volte.
Tuttavia, condizioni di altissima umidità a bassa temperatura, come quelle dell' esperimento di laboratorio, non sono uguali a quelle osservabili nell'atmosfera terrestre, afferma Daniel Rosenfeld, uno scienziato dell'atmosfera presso l'università ebraica di Gerusalemme, in Israele. “ Tutta la documentazione di questo esperimento è di scarsa rilevanza per le nuvole naturali,” sostiene.
Kasparian controbatte che i risultati ottenuti ripetendo l'esperimento nei cieli sopra Berlino suggeriscono che la tecnica può funzionare in condizioni naturali. Il suo team ha inviato pulsazioni laser nel cielo autunnale, focalizzate a 60 metri d' altezza. Niente è stato visibile ad occhio nudo, ma attraverso la tecnica di rilevamento LIDAR, che impiega i laser per misurare la dispersione luminosa nell'atmosfera, è stato possibile confermare che la densità e la grandezza delle gocce d'acqua sono aumentate quando il laser è stato acceso.
Come in laboratorio, gli effetti sono chiaramente evincibili,” sostiene Kasparian. “ Non è richiesta la saturazione dell'atmosfera.”
Il suo team proverà ad incrementare gli effetti del test ottimizzando la lunghezza d'onda del laser, la messa a fuoco e la durata della pulsazione, in modo da ottenere gocce abbastanza larghe da precipitare in pioggia.
Journal reference: Nature Photonics, DOI: 10.1038/nphoton.2010.115